Informazioni utili

Qual è la differenza nel campo delle impermeabilizzazioni fra spinta positiva e negativa e quali prodotti si possono usare?

Per impermeabilizzare supporti cementizi si può ricorrere a sistemi impermeabilizzanti su base cementizia sia rigidi, sia flessibilizzati a seconda delle caratteristiche e delle sollecitazioni del supporto. I sistemi impermeabilizzanti flessibilizzati sono idonei per la spinta positiva, quindi se l’acqua esercita la pressione dalla parte anteriore dell’impermeabilizzazione, e sono più indicati per terrazze, balconi, piscine o elementi similari dove le sollecitazioni anche in termini di flessibilità richiedono una certa elasticità del prodotto; i sistemi impermeabilizzanti rigidi, che generalmente funzionano secondo il principio dell’osmosi, sono idonei invece sia per interventi con acqua in spinta positiva, che negativa, tipo muri contro-terra, scantinati e situazioni simili e comunque da applicarsi su sottofondi cementizi.

Quale differenza tecnica esiste fra la classica guaina e i nuovi sistemi impermeabilizzanti di natura cementizia?

A seguito della posa della guaina classica è da prevedere, prima di successive applicazioni e/o rivestimenti, la realizzazione di un ulteriore massetto autoportante, con uno spessore minimo di almeno 4 cm; ciò comporta un innalzamento della quota e aggravio in termini di costi e peso, nonché una mancanza di protezione/impermeabilizzazione del massetto stesso.
Nel caso del sistema cementizio è possibile invece intervenire, con uno spessore complessivo di circa 3 mm, direttamente sul supporto preesistente, eventualmente già un massetto, il quale risulterà pertanto anch’esso impermeabilizzato, e quindi procedere dopo la sufficiente asciugatura alla posa diretta, con adesivo cementizio flessibilizzato, degli elementi ceramici.

Dopo aver impermeabilizzato un supporto, con un sistema cementizio flessibilizzato, con cosa posso rivestirlo?

Generalmente per il successivo rivestimento si ricorre alla posa di elementi ceramici, incollati con adesivi cementizi, i quali dovranno essere flessibilizzati per garantire il rispetto e la compatibilità meccanica nei confronti dell’impermeabilizzazione cementizi flessibilizzata.